Numero gratuito
☎ +49 89 244473 702 (International)
Autohuur Groot-Brittannië Car rental United Kingdom Mietwagen Großbritannien Autohuur Groot-Brittannië Biluthyrning Storbritannien Location de voitures Grande-Bretagne Alquiler de coches Gran Bretaña Autonoleggio Regno Unito Billeje Storbritannien Bilutleie Storbritannia Autovuokraamo Yhdistynyt kuningaskunta Aluguer de carros Reino Unido Wypożyczalnia samochodów Wielkiej Brytanii Autovermietung Großbritannien Mietauto Großbritannien
Autonoleggio Regno Unito

Autonoleggio Regno Unito

Home

EasyTerra Autonoleggio Regno Unito è una società indipendente. Il nostro sistema confronta i prezzi di note società di noleggio auto, garantendo la possibilità di prenotare un'auto al prezzo giusto in ogni luogo.

Dove desidera ritirare l'auto a noleggio?

Restituzione presso un'altra località

Dove desidera restituire l'auto a noleggio?

Data di ritiro
a
Data di restituzione
a
 
Ricerca

Nuove recensioni

Voto medio: 8.4/10
Numero di recensioni: 5
National Car Rental Aeroporto di Birmingham

"Noleggio d'auto semplice e veloce. Abbiamo noleggiato un'auto attraverso EasyTerra diverse volte. Esperienze sempre positive. In caso sia necessario, il contatto per telefono è piacevole e chiaro. "


2015-03-11 20:10
Hertz Aeroporto di Edimburgo

"Economico e semplice, forse un po’ più d'attenzione al dettaglio. . Esperienze positive. Questa è la seconda volta che noleggio un'auto con EasyTerra. I prezzi sono buoni e il sito è ben organizzato. Magari un po’ più di attenzione potrebbe essere data alle differenze tra le auto e alla clausola scritta in piccolo in maniera tale che sia subito chiaro se si debba riempire il serbatoio da soli o se questo viene rimborsato. "


2015-03-10 16:29
Europcar Aeroporto di Bristol

"È stato tutto perfetto. Un modo veramente piacevole e comodo per noleggiare un'auto. Lo riuseremo sicuramente la prossima volta!"


2015-03-10 14:43
Europcar Aeroporto di Londra-Luton

"Sito utile di comparazione. Molto comodo perché ti rende possibile comparare diverse compagnie d'autonoleggio a colpo d'occhio. In questa maniera uno può noleggiare l'auto che preferisce, con la compagnia che preferisce. Sono felice di usarlo regolarmente e lo consiglio a tutti. "


2015-03-10 13:41
Enterprise Aeroporto di Glasgow

"Veloce e conveniente. Servizio ottimo, a parte il fatto che i miei dati non erano stati trasmessi alla compagnia d'autonoleggio e ciò ha comportato un sacco di scartoffie da sistemare. "


2015-01-05 18:43
Grandi marchi. Confronta e risparmia!

"Ho noleggiato tramite EasyTerra numerose volte, in diversi paesi. L'esperienza è sempre stata ottima!"

Giuseppe Moretti
Milano, Italia

Informazioni su: Regno Unito

Noleggio auto Regno Unito
Noleggio auto Regno Unito

Introduzione

La Gran Bretagna include l'Inghilterra, la Scozia e il Galles, e insieme con l'Irlanda del Nord, la Bretagna forma i Regno Unito. Ognuna delle regioni ha il suo aspetto particolare; la Scozia ha degli accidentati Highlands, il Galles ha una campagna bellissima e intatta dove gli amanti dell'escursionismo potranno sentirsi come a casa. L'Inghilterra ha delle città scoppiettanti come la metropoli di Londra: qui si trovano infatti autobus a due piani, si potrà visitare il Big Ben, i musei, i castelli e le cattedrali sparse ovunque. In breve, la Gran Bretagna offre opportunità senza precedenti per una meravigliosa vacanza alla guida.

Storia

Attorno al 50 d.C., la Gran Bretagna cadde in mani romane, che chiamarono l'isola Britannia. Nel V secolo alcuni popoli germanici (gli Angli, i Sassoni e gli Juti) detti anche anglosassoni, scacciarono i romani, e si stabilirono in tutto il territorio.

Fin dal IX secolo i danesi ed i vichinghi della Scandinavia cercarono di conquistare la Gran Bretagna, e nel 1016 il re danese Canute ebbe finalmente successo e diventò anche re di Gran Bretagna. Il paese non rimase nelle mani olandesi a lungo, e nel 1066 Guglielmo di Normandia conquistò il trono britannico. Si assicurò che il francese diventasse la lingua ufficiale. Nel 1216 Enrico III ascese al trono; sua moglie era la francese Eleonora di Provenza, e quando il re diede dei privilegi alla sua famiglia, tra i nobili scoppiò una rivolta contro il potere reale, e chiesero un parlamento; fu finalmente il figlio di Enrico, Edoardo, che convocò il primo parlamento.

Edoardo III divenne re nel 1327. Lottò con il suo esercito in Scozia e in Francia. Nel 1337 cominciò la Guerra dei Cent'Anni tra la Gran Bretagna e la Francia, che terminò soltanto nel 1453. Questo fu un periodo di conflitti disseminato di tregue tra i re di entrambi i paesi. Durante la guerra, i territori furono anche afflitti da una piaga, la cosiddetta "Morte Nera"; quasi un terzo di tutti i britannici morì. Durante questo periodo inoltre si sviluppò di nuovo la lingua inglese. Nel 1422 Enrico VI, di nove anni, ascese al trono dopo la morte di suo padre. Anche se gli inglesi erano ancora molto potenti, durante il primo anno del regno di Enrico la Bretagna subì una sconfitta nel 1453 nella Battaglia di Castillon, che decretò la fine della Guerra dei Cent'Anni.

Il periodo tra il 1455 e il 1485 fu conosciuto anche come il periodo della Guerra della Rosa, che fu una lotta interna tra due partiti aristocratici: il Casato del Lancaster e gli York. Dopo molti assassinati Enrico VII Tudor, discendente lontano dei Lancaster, sposò Elisabetta di York, e la guerra civile terminò.

Elisabetta I regnò tra il 1558 e il 1603. Il paese fu riformato e si creò anche la chiesa anglicana. La Gran Bretagna prosperò molto durante il regno della regina Elisabetta, e dopo la sua morte prese il potere il re scozzese Giacomo IV, fatto che portò alla Guerra Civile Inglese (1642-1645).

Il XIX secolo rappresenta un avvenimento saliente nella storia del potere politico ed economico britannico. La regina Vittoria salì al trono e abolì la schiavitù. Alla fine del XIX secolo gli uomini ricevettero il diritto di votare e si formarono numerosi partiti dei lavoratori. Vittoria inoltre fece cambiare molte leggi costituzionali dove riconobbe per esempio l'uguaglianza tra le persone.

Come reazione agli attacchi da parte di Hitler, nel 1939 la Gran Bretagna, insieme con la Francia, dichiarò la guerra alla Germania. La Gran Bretagna lottò nella II Guerra Mondiale sotto la guida di Winston Churchill, e nonostante le numerose vittime gli alleati riuscirono a vincere sui tedeschi.

I laburisti vinsero la prima elezione dopo la guerra. Il Partito dei Lavoratori assicurò il servizio nazionale di salute, e la Gran Bretagna in questo periodo si ritirò da varie colonie territoriali.

Nel 1961 il paese volle unirsi alla Comunità Economica Europea (CEE). Il francese Charles de Gaulle usò il suo potere di veto in due occasioni, e la Gran Bretagna riuscì a entrare nella CEE solamente nel 1973. Nel 1979 i Conservatori vinsero le elezioni, alla guida della loro presidentessa Margaret Thatcher, che fu primo ministro dal 1979 al 1990.

Nel 1997 Tony Blair vinse le elezioni con il Partito Laburista; assicurò alla Scozia e al Galles un'autonomia limitata, e fu responsabile delle negoziazioni con i partiti nel conflitto con l'Irlanda del Nord. Blair fu primo ministro fino al 2007, quando gli successe Gordon Brown (sempre laburista).

Società e cultura

La Gran Bretagna ha circa 60 milioni di abitanti, e più dell'80% vive in Inghilterra, mentre solo il 9% in Scozia. Il resto della popolazione vive nel Galles e nell'Irlanda del Nord. I britannici sono discendenti di varie nazioni che abitarono il paese, quindi ci sono persone di origine celtica, normanna, anglosassone e vichinga.

Nonostante esista il principio di libertà di religione, la chiesa anglicana è la chiesa riconosciuta in Gran Bretagna. Il re (o regina) devono essere membri di questa chiesa. Circa 27 milioni di britannici sono anglicani. Inoltre, ci sono molti fedeli della religione cattolica (9 milioni). Una piccola percentuale è musulmana, presbiteriana, metodista o ebrea.

La lingua ufficiale della Gran Bretagna è l'inglese. Circa il 26% dei gallesi parlano il gallese, e in Scozia circa 600.000 persone parlano lo scozzese.

La cultura britannica è famosa a livello mondiale, e specialmente la letteratura britannica, la musica, il teatro e i programmi di televisione sono conosciuti dappertutto. I britannici amano il cricket, il calcio, il golf e le freccette. La Scozia è invece conosciuta per il kilt (un gonna per uomini) e per la cornamusa (uno speciale strumento a fiato); la musica scozzese deriva dal periodo celtico. Ci sono inoltre, in tutta Gran Bretagna, castelli, cattedrali e molti musei con famose collezioni d'arte.

Situazione politica

La Gran Bretagna è una monarchia costituzionale; la regina è il capo dello stato, e il primo ministro è il capo del governo. Eccezionalmente, la forma di governo non è cristallizzata in una costituzione. La regina Elisabetta è l'attuale regina della Gran Bretagna, ed è inoltre il capo dei seguenti stati, tra altri: Canada, Australia, Nuova Zelanda e Giamaica.

Il potere legislativo è nelle mani del governo, che è formato da una camera bassa (Casa dei Comuni) e da una camera alta (Casa dei Lord). La prima ha 659 membri, eletti ogni cinque anni secondo il sistema elettorale, ed è la camera più importante. La seconda è formata da rappresentanti delle chiese e dai membri restanti, che non sono eletti ma bensì ereditano il loro titolo o sono nominati.

Oltre alla legislazione, il parlamento ha anche altre funzioni importanti: approvare il bilancio, controllare le politiche e le azioni del governo, contribuire con nuove proposte, discutere temi importanti dell'attualità. Ci sono vari partiti politici: il Partito Laburista è socio-economico e possiede la maggioranza nella Casa dei Comuni dal 1997. Il Partito Laburista, il Partito Conservatore e i Democratici Liberali sono i tre partiti maggiori.

La Scozia e il Galles sono entrambi ben rappresentati nella politica britannica. La Scozia ha anche il suo proprio parlamento, e il Galles ha un'assemblea eletta. I britannici possono votare a partire dai 18 anni i membri della camera bassa.

Economia

Essendo Londra uno dei maggiori centri finanziari, la Gran Bretagna gioca un ruolo molto importante nell'economia globale. Il settore dei servizi è il più importante nell'economia nazionale, e non meno del 75% dei lavoratori lavora un questo ambito, mentre circa un quarto lavora nell'industria e una piccola percentuale nell'agricoltura. La contribuzione dell'Inghilterra nel PIL è in assoluto la più grande (85%) seguita dalla Scozia con più dell'8%; solo una piccola porzione è invece attribuita al Galles e all'Irlanda del Nord.

Nell'area industriale e nel centro c'è molta disoccupazione; il numero totale dei lavori nel 2007 fu di 31,6 milioni. Londra è la città con più lavoratori attivi della Gran Bretagna, con 4,7 milioni di lavori; l'Irlanda del Nord la regione con meno lavori (834.000), e anche negli stipendi, Londra ha delle somme 30% più alte di tutto il resto del Regno Unito. Nonostante ciò, gli stipendi lordi in generale di tutto il paese sono buoni, tra i più alti in Europa.

Gli Stati Uniti sono i partner principali della Gran Bretagna. Altri soci commerciali sono la Germania, la Francia, i Paesi Bassi, l'Irlanda, il Belgio, la Spagna e l'Italia. I prodotti importati sono i macchinari, i veicoli a motore, i prodotti elettronici e di carta, i vestiti, il cibo e altri prodotti di consumo.

La Gran Bretagna è membro dell'UE ma non ha (ancora) cambiato la sua valuta all'Euro, e continua ad essere la sterlina (GBP); una sterlina è composta da 100 penny.

Geografia e clima

La Gran Bretagna include l'Inghilterra, la Scozia e il Galles. Il paese è circondato da mari: il Mar del Nord a est, la Manica a sud, il Mar Irlandese a ovest, e l'Oceano Atlantico a nord e a ovest. La superficie totale della Gran Bretagna è di circa 230.000 km²: l'Inghilterra ha circa 130.400 km², la Scozia 78.800 km² e il Galles 20.800 km².

L'Inghilterra ha circa 51 milioni di abitanti, e il paese consiste prevalentemente di pianure: i Monti Pennini, le Paludi dello Yorkshire, le montagne della Cumbria, e la Cornovaglia sono alcuni dei luoghi più elevati. il fiume più grande è il Tamigi, lungo 336 km. Londra è la capitale e la città più densamente popolata dell'Inghilterra; nelle vicinanze si trovano Chelsea e Kensington, con più di 13.000 abitanti per km². Altre grandi città inglesi sono Birmingham, Bradford, Liverpool, Leicester, Manchester e Wolverhampton.

La Scozia ha un po' più di 5 milioni di abitanti, ed è una delle aree meno popolate d'Europa; circa l'80% infatti vive nella parte centrale (la Cintura centrale) e nelle città industriali (Dundee, Edinburgo, Glasgow). Il nord della Scozia è invece caratterizzato da alte montagne. La regione degli Highlands scozzesi è formata da torba e brughiere. La Scozia ha inoltre la montagna più grande del paese, che è il monte Ben Nevis (1344 metri). Alcune grandi città scozzesi sono la capitale Edinburgo, Aberdeen, Dundee, Glasgow, Inverness, Stirling e Perth.

Il Galles ha più di 3 milioni di abitanti; la parte meridionale è quella più densamente popolata. Ci sono anche qui grandi città come Cardiff (300.000 abitanti), Swansea (190.000), Newport (134.000), Rhondda (68.000) e Port Talbot. I paesaggi del Galles sono montuosi, specialmente al nord e al centro della regione; i monti del nord sono chiamati Snowdonia, e di trovano in un'area dichiarata parco nazionale. Il sud del Galles è invece caratterizzato da colline senza alberi e lunghe vallate. Ci sono tre fiumi abbastanza lunghi: il Dee, il Severn e il Wye.

La Gran Bretagna ha un clima moderato marittimo. Gli inverni sono generalmente miti e le estati sono fresche. La temperatura media invernale è di 5°C, mentre in estate è di 15°C. Le precipitazioni sono distribuite durante tutto l'anno, e gli acquazzoni più grandi si verificano nella regione occidentale. Nelle aree montane, come in Galles o in Scozia, potrebbe piovere molto, e in inverno potrebbe nevicare, mentre la regione orientale è quella con meno precipitazioni. Le isole del Canale e la costa meridionale sono le più soleggiate, e anche la temperatura è più alta.

Traffico e infrastruttura

C'è una rete stradale molto sviluppata, soprattutto nelle aree del paese più densamente popolate; la capitale, Londra, è un collegamento centrale, da dove partono dozzine di strade per altre città e paesini. Ci sono strade A e strade B: le strade A sono molto moderne, che collegano le città principali; le strade B sono strade strette, in aree remote. Presti attenzione, in Gran Bretagna si viaggia nella carreggiata sinistra!

Un modo economico di viaggiare per il paese è in autobus; gli autobus partono da qualsiasi città di grandi o medie dimensioni, e vanno a ogni luogo del paese. Un viaggio in autobus è confortevole e potrà vedere moltissime parti del paese.

La Gran Bretagna ha anche una rete estesa di ferrovie, e può essere raggiunta addirittura dal continente, per mezzo dell'Eurotunnel che corre al di sotto del Canale della Manica e collega Calais (Francia) con Folkestone. I treni rapidi viaggiano da Londra a tutte le altre città, ma ci sono anche treni regionali più lenti che vanno a altre parti del paese. Non solo l'Inghilterra potrà essere ampiamente scoperta in treno, ma anche la Scozia e il Galles; potrà comprare un biglietto per viaggiare durante vari giorni consecutivi (in prima o in seconda classe).

La Gran Bretagna potrebbe anche essere visitata in aereo, per esempio con British Airways, la compagnia aerea nazionale. Il più grande aeroporto è Heathrow, a Londra. Altri aeroporti importanti sono l'Aeroporto di Londra Gatwick, l'Aeroporto Internazionale di Birmingham, l'Aeroporto di Edinburgo, l'Aeroporto Internazionale di Glasgow e l'Aeroporto di Manchester. Ci sono non meno di 33 aeroporti nel paese che offrono voli domestici.

Le Isole del Canale sono raggiungibili in barca. Le barche salpano da Poole, Weymouth e Portsmouth. I porti più importanti si trovano a Londra, Liverpool, Manchester, Southampton e Newcastle upon Tyne.

Tradizioni culinarie

La Gran Bretagna è conosciuta per la colazione inglese; una colazione molto nutriente, con salsicce fritte, pancetta, uova, toast con marmellata, fagioli al forno, pomodori grigliati e funghi fritti. Con la colazione si beve caffè o tè con latte.

Un altro pasto tipico inglese è il tè pomeridiano. Per gli aristocratici britannici è un momento molto importante del giorno; alle 4 del pomeriggio circa di beve il te con molti piccoli snacks, come per esempio muffin, focaccine, torte, biscotti o panini.

Anche i pub britannici sono molto famosi; la vita di un inglese è inimmaginabile senza un pub. È un luogo dove si può mangiare e bere ma è anche per sedersi tutti insieme. La birra è la bevanda principale in un pub, e ci sono vari tipi di birra: lager, bitter, stout. La stout è la più scura ed ha un gusto molto amaro. Dovrà avere almeno 18 anni per comprare alcool.

Altri piatti tradizionali sono lo stufato irlandese (un piatto con carne, patate e carote), fish & chips, piatti con agnello e manzo, e molti tipi di torte salate. Potrà anche ordinare altri piatti europei quasi dappertutto, come pasta e risotti. Si trovano anche cibo indiano da trasporto, che può essere consumato nei ristoranti o portato a casa. Di solito, la mancia è compresa nel prezzo.

Alloggio

La Gran Bretagna ha molte opzioni per trascorrere la notte: ci sono numerosi hotel, case di vacanza, appartamenti. Anche se ci sono vari campeggi, non è un'abitudine che i turisti trascorrano la notte in una tenda. I campeggi comunque sono di solito di alta qualità: i turisti scelgono spesso il bed & breakfast, che sono relativamente economici, si trovano dappertutto, e includono una tipica colazione inglese. In Scozia è possibile stare in una piccola capanna in mezzo a un paesaggio meraviglioso. Potrà anche scegliere una notte unica in una fattoria storica nel Galles.

Fuso orario

Il Regno Unito ha un fuso orario GMT. Durante l'estate (dal 26 marzo al 29 ottobre) diventa poi GMT+ 1.

Collegamenti esterni

Per ulteriori informazioni sulla Gran Bretagna, consigliamo visitare Google e le seguenti risorse: