Noleggio auto Tailandia

Risparmia tempo e denaro. Confrontiamo le offerte delle compagnie di autonoleggio in Tailandia al posto tuo.

Per poter usare questo sito il tuo computer deve accettare i cookies.

Confrontiamo tutti i fornitori più conosciuti

Autonoleggio Tailandia

EasyTerra Autonoleggio Tailandia è un sito indipendente di comparazione di auto a noleggio. Il nostro sistema confronta i prezzi delle più famose compagnie di autonoleggio dando la possibilità ai nostri clienti di prenotare un'auto a noleggio a un prezzo conveniente.

Informazioni sul luogo: Tailandia

Introduzione

La Thailandia è una delle destinazioni più famose per i turisti, nel Sud-est asiatico. Bangkok è la capitale thai, una città con più di 8 milioni di abitanti, che è inoltre la più grande città del paese. La città brulica di persone, e coloro che non si faranno intimorire da questa grande quantità di gente e dal trambusto, potranno riempire i giorni con visite al palazzo reale, ai numerosi templi e al quartiere China Town.

Al di fuori della città, lungo la costa, c'è la possibilità di apprezzare il sole, il mare e la spiaggia. Le palme lungo la spiaggia bianca formano un paesaggio meraviglioso. Phuket è uno dei luoghi più famosi per le vacanze in spiaggia. La penisola tropicale è giustamente chiamata "Perla del sud", e coloro che viaggiano in Thailandia potranno rilassarsi in un clima tropicale. Il tempio Wat Doi Suthep, per esempio, si trova in una montagna vicino a Chiang Mai, e sull'isola Ko Chang c'è una foresta pluviale dove gli amanti della natura potranno fare un'esperienza strepitosa.

Non è una sorpresa il fatto che l'economia thai sia in gran parte appoggiata dal settore turistico. Allo stesso tempo però l'economia sta cambiando enormemente; la globalizzazione sta lasciando i segni nella società thai. Le spezie e i sapori tipici della cucina thai hanno cominciato a penetrare in molte famiglie occidentali.

Storia

La regione attualmente chiamata Thailandia era già abitata 5000 anni fa. La maggior parte dei siti preistorici si trovano presso Ban Chiang, e gli oggetti trovati risalgono al 1500 a.C.; in quei tempi le persone già cominciarono a coltivare il riso, prodotto che ora si raccoglie in qualsiasi regione thai, dove sono presenti campi di riso.

La storia thai cominciò quando i thailandesi immigrarono dalla Cina al Sudest asiatico, attorno al X secolo d.C.; durante il periodo anteriore, abitarono quest'area i Mon, i Khmer e i Malesi. I loro regni minacciarono continuamente il nuovo stato thai, ma non riuscirono mai a far scomparire il suo potere.

I primi due imperi furono quello Sukhothai e quello Ayutthayan. L'impero del Sukhothai esistette dal 1238 al 1438. La vecchia capitale si trova circa 12 km al di fuori della città attuale New Sukhothai e sta ancora aspettando i suoi ammiratori. Al giorno d'oggi, queste rovine formano un parco storico e un'attrazione turistica.

Il regno Ayutthayan esistì durante il periodo tra il 1351 e il 1767. La capitale Ayutthaya lasciò che il regno Sukhothai sparisca nel nulla, e l'impero si estese per quattro secoli e formò il nuovo stato di Siam. Attualmente la Thailandia ha quasi la stessa frontiera del vecchio regno di Siam.

In seguito, il re Ramathibodi prese misure per omogeneizzare l'impero: nel 1350 dichiarò il buddismo Theravada la religione ufficiale, e permise ai monaci di Ceylon diffondere la nuova religione tra la gente. Dichiarò inoltre varie leggi sulla base dei testi legislativi indù, che furono applicate sino al XIX secolo. Alla fine del XIV secolo l'impero era il più potente in Indocina, ma nonostante lo sforzo per uniformare i territori, il regno rimase diviso in province con i loro propri signori e amministrazioni, per cui fu sempre un grande sforzo per il re mantenere il regno unificato.

Nel 1767 Burma attaccò Ayuttaya; il governo dovette ritirarsi a Thon Buri, luogo vicino all'attuale Bangkok. La vecchia capitale fu depredata e la maggior parte delle cose furono distrutte durante l'invasione.

Uno dei generali dell'epoca, il Generale Taksin, riunificò l'impero thai nel 1769. Si incoronò re, anche se il suo regno non durò molto tempo, poiché diventò uno squilibrato mentale e fu catturato ed ucciso nel 1782.

Durante quello stesso anno, il Generale Chakri successe a Taksin e diventò re Rama I, e in questo modo si fondò la dinastia Chakri. Rama I fondò inoltre la sua nuova capitale, Bangkok, presso il fiume Chao Phraya. Il nome della città fu cambiato e diventò Krung Thep: nonostante ciò, nell'Occidente si mantenne il nome vecchio. Finalmente il re Rama I riuscì a scacciare gli occupanti burmesi.

Il successore di Rama si cominciò a preoccupare soprattutto con i coloni europei poiché vi vari paesi vicini perdere terreno nei confronti delle regole occidentali; il Siam fu proprio per questo l'unico paese che non fu mai occupato dai coloni europei, e nel 1939 fu denominato con il nuovo nome Thailandia, che significa "stato libero".

Nel 1932 l'impero subì un colpo di stato, e per questo la monarchia assoluta fu rimpiazzata per una monarchia costituzionale. Dal quel momento, fino al 2006, si susseguirono una serie di regimi militari al governo del paese; il re mantenne il suo trono, ma quasi non aveva ruolo.

Nel 1941, la Thailandia invase l'Indocina francese, attacco che diede inizio alla Guerra Franco-Thailandese in cui la Thailandia volle riconquistare la terra che in passato fu sua. Il Giappone poi si intromise nel conflitto e finalmente riuscì a convincere Francia di restituire la regione.

Quando cominciò la II Guerra Mondiale, la Thailandia decise di appoggiare il Giappone, e unì le forze contro gli Alleati. Dopo la guerra, la Thailandia acconsentì a riconsegnare le regioni conquistate alla Francia, in cambio di entrare nelle Nazioni Unite.

A partire dagli anni '60 fino agli anni '80, la guerriglia comunista fu attiva nel paese; i paesi vicini adottarono tutti questa nuova ideologia comunista, ma la Thailandia sempre resistette e non la accettò.

Dopo il 1973 il potere dei militari thai diminuì, e la ultima giunta fu sciolta nel 2006: da quel momento, la Thailandia diventò un governo democratico.

Società e cultura

La popolazione thai è di più di 65 milioni di persone. Nel paese vivono molti cinesi; molti di loro si mischiarono con il resto della società. Un altro importante gruppo etnico sono i Malesi, i Mon e i Khmer. I malesi vivono nel sud, e nelle colline ci sono anche altre tribù.

La società ha una gerarchia sociale diversa dal solito; il rispetto per le persone anziane è molto importante, e il culto degli antenati è molto praticato tra la gente. Gli abitanti della Thailandia sono anche conosciuti per la loro ospitalità e generosità.

La cultura thai sta sperimentando grandi cambi, a causa della globalizzazione; molti tabù tipici comunque sono ancora rispettati, come ad esempio toccare la testa di qualcuno, indicare qualcuno con il piede o calpestare cibo o persone. I piedi sono considerati una parte molto sporca e per questo si svilupparono questi tabù.

Il linguaggio thai può essere diviso rozzamente in quattro gruppi basato nelle regioni di origine: le lingue parlate sono il thailandese centrale, il thailandese settentrionale e il thailandese nordorientale, e la lingua Isan. Il thailandese centrale è parlata da molti, e si divide in vari dialetti. Il thailandese ha il suo proprio alfabeto. L'inglese è la seconda lingua ed è insegnata in tutte le scuole; tuttavia, non tutti i thai conoscono l'inglese.

Approssimativamente il 95% della popolazione thai è buddista theravada. Quasi tutto il 5% della gente rimanente è musulmana; i musulmani spesso vivono in comunità separate, tutti insieme. La più grande concentrazione musulmana si trova al sud, tra i malesi. Circa lo 0,5% dei thailandesi è cristiano; ci sono inoltre delle piccole comunità di Sikhs e una manciata di Indù. A partire dal XVII secolo, anche un piccolo gruppo di ebrei vive nel paese.

Situazione politica

La Thailandia ha una monarchia costituzionale parlamentare. Il capo di stato è il re Rama IX, uno dei re della dinastia Chakri: questi re hanno governato fin dal 1782. Il re Rama IX è molto amato dalla popolazione thai, e alcuni perfino lo adorano.

Il leader del governo è il primo ministro Samak Sundaravej, e a partire dal 2008 presiede il governo che consiste di sei partiti. Samak Sundaravej è anche il leader del partito più grande della Thailandia, il PPP, "People's Power party".

Fin dal 1932 la Thailandia ha suffragio universale. Il paese è attualmente un membro delle Nazioni Unite.

Economia

La Thailandia è un NIC, "paese di recente industrializzazione". I NIC sono le economie asiatiche con un'alta crescita. Il paese ha un'economia di mercato, ed i prodotti più importanti sono il riso, i prodotti tessili, e i gioielli. Più della metà del paese è utilizzato per coltivare il riso. Altri prodotti agricoli importanti sono la canna da zucchero, il cotone e semi di soia. Quasi la metà della popolazione trova lavoro nella pesca e nell'agricoltura.

Il settore più importante dell'economia è il settore privato. Il turismo sta crescendo velocemente in Thailandia e sempre più persone ottengono i loro ingressi direttamente o indirettamente dai tanti turisti.

Nel 1993 si fondò la ASEAN, area asiatica di libero scambio, che comprende la Thailandia, l'Indonesia, Singapore, la Malaysia, le Filippine e il Brunei.

la valuta tailandese è il baht.

Geografia e clima

La Thailandia è grande 514.000 km2. Il paese confina con la Cambodia, il Laos, la Malesia e il Myanmar. L'area costiera è molto lunga, e il golfo della Thailandia, il Mare Andamano e l'Oceano Indiano circondano il paese. Nei mari lungo la costa della Thailandia ci sono molte piccole isole.

Nel nord della Thailandia si trova una grande catena montuosa con molte foreste. Il picco più alto della Thailandia è il Doi Inthanon, alto 2590 metri. Molte tribù stanno ancora vivendo nelle montagne.

L'altipiano di Khorat, nel nord-est, si trova 250 metri sul livello del mare. L'altipiano è inoltre chiamato l'altopiano piangente, poiché alcune delle sue parti sono molto aride.

Più al sud si trova una regione con vari fiumi. Bangkok è localizzata vicino a uno di questi fiumi, che sfocia poi nel Golfo di Thailandia, ed è chiamato Chao Phraya.

Nell'estremo sud del paese si trova la penisola Malakka; questa piccola striscia di terra è occupata da catene montuose coperte con foreste pluviali.

I turisti arrivano in Thailandia anche per le bellissime spiagge, il mare e le palme. Alcuni luoghi di villeggiatura famosi sono Phuket, Pattaya e Hua Hin.

Il clima in Thailandia è monsonico: un clima tropicale con periodi secchi e periodi molto umidi. La stagione umida è chiamata monsone, e da metà maggio a settembre il tempo è piovoso, caldo e nuvoloso. Da novembre fino a metà marzo il vento del nord-est porta aria fresca e secca.

Traffico e infrastruttura

I thailandesi guidano nella carreggiata sinistra; le condizioni delle strade variano da regione a regione. Ci sono 4 autostrade principali nel paese: una che va a nord, una a est, una a nord-est e una a sud. Tutte queste strade arrivano a Bangkok, e in alcune è richiesto il pedaggio.

I limiti di velocità nelle aree abitate è di 60 km/h. Al di fuori delle aree urbane, si può viaggiare fino a 80 km/h. Sulle autostrade il limite di velocità è di 100 km/h.

Gli autobus sono veloci, efficienti ed affidabili.

Viaggiare in treno in Thailandia è molto confortevole, oltre al fatto che i treni sono molto lenti. Il treno da ai viaggiatori l'eccellente opportunità di osservare la campagna: hanno una prima classe, una seconda e una terza. Le ferrovie principali vanno da nord a sud e dal nord-est a est.

Coloro che non vorranno viaggiare attraverso i fiumi potranno prendere la reua haang yao, la long tail boat, che può viaggiare molto velocemente ed è molto divertente.

Dall'Aeroporto Internazionale di Bangkok, che si trova a 30 km dalla capitale, si possono prendere voli internazionali. Altre destinazioni domestiche sono l'Aeroporto di Chiang Mai, l'Aeroporto di Ko Samui vicino alla città di Ko Samui,e l'Aeroporto di Phuket. Da queste città è anche possibile prendere voli domestici.

Tradizioni culturali

La cucina thai è conosciuta attualmente i tutto il mondo occidentale. Nei piatti si combina il dolce, l'acido, l'amaro e il salato; gli ingredienti essenziali sono l'aglio, a citronella e la salsa di pesce. I tipici sapori thai derivano dall'uso del curry nel cibo: i curry sono un misto di varie spezie. Molti piatti di questo paese si preparano al wok; ci vuole molto poco tempo per preparare qualsiasi piatto in questo modo, e le verdure si mantengono saporite e croccanti.

Il riso è la base dei piatti thai; a volte gli spaghetti sostituiscono il riso.

Anche il mehkong, la versione thai del whisky, è fatto di riso, e i tailandesi lo bevono durante la cena.

Fuso orario

Il fuso orario thailandese è GMT/UTC+ 7.

Alloggio

Nelle aree turistiche e nelle grandi città si possono trovare hotel lussuosi; anche i thailandesi di origine cinese hanno hotel decenti che di solito non sono molto curati negli interni, ma sono tuttavia molto confortevoli.

I viaggiatori potranno anche trascorrere la notte in ostelli e pensioni, che possono essere molto accoglienti; le grandi città offrono sempre questi tipi di alloggi.

Anche i camper possono trovare molti luoghi dove stabilirsi: nei parchi nazionali si potranno inoltre affittare delle tende. Non ci sono campeggi reali al di fuori di questi parchi, dove accampare non è per niente un'abitudine.

Collegamenti esterni

Per ulteriori informazioni sulla Thailandia, consigliamo visitare Google e le seguenti risorse: