Noleggio auto Sudafrica

Risparmia tempo e denaro. Confrontiamo le offerte delle compagnie di autonoleggio in Sudafrica al posto tuo.

Inserire città o codice aeroporto
Confrontiamo tutti i fornitori più conosciuti

Autonoleggio Sudafrica

  1. Home
  2. Sudafrica

EasyTerra Autonoleggio Sudafrica è un sito indipendente di comparazione di auto a noleggio. Il nostro sistema confronta i prezzi delle più famose compagnie di autonoleggio dando la possibilità ai nostri clienti di prenotare un'auto a noleggio a un prezzo conveniente.

Recensioni recenti

Valutazione media: 9 di 10 Numero delle recensioni dei clienti: 2
Sergio Hertz Aeroporto di Città Del Capo
“Lo uso per le vancanze e adesso per il …”

“Lo uso per levancanze e adesso per il valoro, zero problemi (uso solo compagnie note).”

03-12-2017 16:30
Simone F. Avis Aeroporto Internazionale di Johannesburg
“Ottimo servizio clienti”

“Ottimo servizio, tariffe convenienti. Ottima assistenza clienti di cui ho usufruito prima della partenza”

27-08-2017 08:37
Arjen Pater Budget Aeroporto di Città Del Capo
“Esperienza ottima con EasyTerra”

“Ottima alternativa per noleggiare un'auto a Bonaire invece di andare direttamente a una delle tante compagnie d'autonoleggio. ”

27-05-2015 10:56

Informazioni sul luogo: Sudafrica

Introduzione

Il Sudafrica si trova nell'estremo sud del continente africano. Il viaggio attraverso il Sudafrica é una grande avventure. I paesaggi passano da aree montagnose a deserti a pianure tropicali. Le temperature sono piacevoli durante tutto l'anno ed in genere piove poco. Il Sudafrica é un paese vario in piú di un modo. La differenza tra i ricchi e i poveri é ancora enorme e ci sono diversi gruppi nella popolazione.

Storia

Il Sudafrica é una delle aree archeologiche piú antiche in Africa. Sono stati fatti dei ritrovamenti risalenti a milioni di anni fa. La nazione era abitata da diversi gruppi etnici, come i Khoi ed i San, considerati i piú antichi abitanti dell'Africa.

Nel 1652, l'olandese Jan van Riebeeck fondó una colonia nel Sudafrica per poter conservare le scorte appartenenti alla Compagnia Unita delle Indie Orientali (VOC). Molte navi usavano l'insediamento come punto di sosta sulla rotta verso l'oriente. In seguito, le famiglie si spostarono verso il continente africano e l'insediamento inizió ad assomigliare ad una colonia agricola. Oltre agli Olandesi, arrivarono in Sudafrica anche Tedeschi, Francesi e Scozzesi. Durante il dominio olandese ci fu carenza di lavoratori e per risolvere il problema vennero portati degli schiavi da Indonesia, Madagascar ed India. La cultura della popolazione indigena venne cosí distrutta dai coloni.

Nel 1795, furono i Britannici ad arrivare in Sudafrica. Volevano essere sicuri che non cadesse nelle mani dei Francesi. Nel 1797, guadagnarono il controllo della parte sud-occidentale dell'Africa: Capo di Buona Speranza. Presto, gli Inglesi misero la schiavitù al bando e seguì un periodo di irrequietezza. Molti contadini si spostarono più all'interno e vollero fondare delle proprie repubbliche. Un gruppo di etnia africana, gli Zulu, si opposero a questo e riuscirono a scacciare i contadini. Poco più tardi i Britannici riuscirono a prendere il controllo del territorio abitato dagli Zulu.

Alla fine del XIX secolo, vennero scoperti i diamanti e l'oro, il che diede una spinta alla crescita economica ed iniziò un'ondata di immigrazione. Nuovi colonizzatori arrivarono nel paese e le popolazioni indigene vennero sottomesse ancora di più. I Boeri (discendenti, tra gli altri, di Olandesi, Francesi e Tedeschi) si ribellarono al potere britannico diverse volte, ribellioni che vennero chiamate guerre Boere. I Boeri conoscevano bene il territorio e usavano la tattica della guerriglia. Ad un certo punto però vennero sconfitti dalle truppe Britanniche.

Nel 1902, venne stipulato un accordo: i Britannici guadagnarono il controllo di tutte le repubbliche e le scuole furono obbligate ad insegnare Inglese. Tutte le persone non-bianche non avevano diritto al voto: fu questa la base di quello che in seguito sarebbe diventato l'Aparheid. I Boeri si ribellarono ancora una volta: non volevano imparare l' Inglese. La lingua Afrikander iniziò a svilupparsi allora.

Nel 1910, venne creata l'Unione del Sudafrica, che univa le repubbliche di Colonia del Capo, Natal, Orange Freestate e Transvaal. Louis Botha divenne il primo primo ministro del paese. Insieme a Jan Smuts fondò il Partito del Sudafrica. Nel 1934, questo partito si unì al Partito Nazionale nel Partito Unito che però si sciolse con l'inizio della Seconda Guerra Mondiale. L'Unione sosteneva la Gran Bretagna, ma il Partito Nazionale parteggiava per la Germania nazista. Dopo la guerra, i separatisti di destra (il Partito Nazionale) presero il potere in Sudafrica. Il partito voleva aumentare la segregazione razziale (Apartheid). Le persone di colore avevano pochi dirittti e le organizzazioni politiche dei neri vennero messe al bando. Nel 1960, il Sudafrica divenne indipendente e si proclamò una repubblica. Le persone di colore si ribellarono diverse volte contro l'Apartheid ma il governo represse le ribellioni con violenza e molte persone furono uccise. Molti di coloro che si opponevano all'Apartheid vennero imprigionati, di cui uno era un giovane uomo chiamato Nelson Mandela, che sarebbe stato rilasciato 27 anni dopo.

Si creò molta attenzione sul Apartheid all'estero. Diversi continenti si rifiutarono di commerciare con il Sudafrica. Nel 1990, il governo sudafricano crollò e l'Apartheid venne abolito. Nelson Mandela dell'ANC (Congresso Nazionale Africano) fu il vincitore delle nuove elezioni e divenne il primo presidente nero del Sudafrica.

Ripresero i commerci con l'estero e il Sudafrica divenne un membro delle Nazioni Unite. Vennero migliorate anche la sanità e l'istruzione. Oggi, l'ANC resta il partito dominante in Sudafrica. Nonostante i notevoli miglioramenti, il paese si trova ad affrontare la povertà su larga scala, crimine e l'epidemia di AIDS.

Società e Cultura

Il Sudafrica ha quasi 45 milioni di abitanti. La diversità di cultura, lingua e religione è una caratteristica della nazione. I tre quarti della popolazione sono dati da persone di colore appartenenti a diversi gruppi etnici. Con 5 milioni di persone, gli Zulu sono il gruppo etnico principale, mentre altri sono i Nord-Soto, i Sud-Soto, gli Xhosa, gli Tswana, gli Swasi ed i Vena. Meno del 14% degli abitanti è bianco ossia i discendenti degli immigrati colonizzatori (tra cui, Olandesi, Tedeschi, Francesi e Britannici). L'attesa di vita media dei bianche è molto più alta di quella degli abitanti di colore. Circa il 9% della popolazione è fatto di persone di colore, discendenti degli schiavi africani ed asiatici al tempo della dominazione olandese. La comunità è divisa: metà è più attratta dagli abitanti bianchi, mentre l'altra metà si sente più vicina alla popolazione nera. Circa il 3% della popolazione sudafricana è di origini indiane, discendenti dei lavoratori a contratto che arrivarono dall'India Britannica in Sudafrica. Inoltre, dal 1920 ci sono anche molti Cinesi emigrati in Sudafrica.

Una maggioranza della popolazione (più del 70%) è cristiana. Sono state aperte diverse chiese, sia per le comunità nere che per quelle bianche. Le chiese indipendenti nere in tutto hanno più di 6 milioni di membri. Queste chiese mantengono le tradizioni africane e si oppongono alle convinzioni religiose europee. Ci sono 3 chiese per i bianchi: la Neder-Duitse Gereformeerde Kerk, la Neder-Duitse Hervormde Kerk e la Chiesa Riformata dell'Africa. La maggior parte della popolazione indiana del paese è Hindu, mentre altri Indiani così come molte persone di colore, aderiscono alla religione islamica. Inoltre ci sono anche diverse tribù africane con i loro riti indigeni.

Nel passato il Sudafrica aveva due lingue ufficiali: l'Inglese e l'Afrikaans. Quest'ultimo si è sviluppato da e ancora assomiglia alla lingua Olandese. Oggi il Sudafrica non ha meno di 11 lingue ufficiali: Inglese, Afrikaans, Zulu, Swazi, Ndebele, Nord-Soto, Sud-Soto, Tsonga, Tswana, Venda e Xhosa. Oltre a queste lingue ufficiali, ci sono molti dialetti diversi (per esempio il dialetto San). Un piccolo numero di Sudafricani parla Tedesco e Portoghese.

L'immensa varietà delle culture rende il Sudafrica un melting pot culturale. Musica e danza per esempio sono molto varie. La musica è molto popolare in Sudafrica e si basa molto sul genere europeo. In particolare nelle campagne, la musica e le danza tradizionali africane sono state mantenute vive. Sfortunatamente, la cultura tradizionale sta lentamente scomparendo.

Situazione politica

Il Sudafrica è una repubblica: il parlamento è composto dal Consiglio Nazionale delle Regioni (con 90 membri) e l'Assemblea nazionale (con 400 membri). Ogni 5 anni viene eletto il nuovo presidente dall'Assemblea Nazionale. Dal 1999, il presidente dello stato è Thabo Mbeki. Il presidente sceglie un vice presidente tra i membri dell'Assemblea Nazionale. Dal 2005, il vice presidente del Sudafrica è Phumzile Mlambo-Ngcuka.

Tutti coloro che abbiano 18 anni o più possono votare. Ogni 4 anni, il popolo elegge i rappresentanti dell'Assemblea Nazionale. Il paese è diviso in 9 regioni, ognuna con propri poteri legislativi. I membri del governo provinciale vengono anch'essi eletti dal popolo.

L'attuale scena politica è dominata dall'ANC (Congresso Nazionale Africano). Questo partito venne fondato nel 1912 e sostiene i diritti della popolazione di colore. L'Alleanza Democratica (DA) è il principale rivale dell'ANC. Purtuttavia, nelle elezioni del 2005, l'ANC è riuscito a prendere il 70% dei voti.

Economia

L'economia del paese è caratterizzata dalla differenza tra ricchi e poveri. Dentro ed intorno alle grandi città, l'economia è moderna e sviluppata. Città del Capo, Port Elizabeth, Durban, Pretoria e Johannesburg sono le quattro aree più sviluppate. Al di fuori di queste aree c'è una grande povertà. La differenza tra ricchi e poveri è maggiore solo in India e Brasile. Come risultato, il Sudafrica è una nazione in via si sviluppo, in cui la maggior parte della popolazione vive della terra o è disoccupata. Il settore informale (per esempio la vendita di frutta e verdura o di prodotti fatti in casa) è cresciuto grazie alla percentuale di disoccupazione in Sudafrica.

Se paragonato alle altre nazioni africane, la produzione interna nel Sudafrica è molto alta. Il governo incoraggia la popolazione professionale a mettere sù piccole imprese o fabbriche, per poter diminuire la disoccupazione e rendere le persone più ricche. Il paese è estremamente ricco di risorse naturali. L'esportazione di queste materie prime è fondamentale per l'economia del Sudafrica. I minerali più importanti sono diamanti, manganese, oro, argento, rame, cromo ed uranio. Importanti partner commerciali sono Stati Uniti, Germania, Giappone e Gran Bretagna. Il Sudafricaa importa soprattutto mezzi di trasporto, macchinari, petrolio e prodotti chimici.

La popolazione lavorativa è impiegata soprattutto in industrie, minere e servizi. L'energia, i trasporti ed il settore finanziario sono molto sviluppati. Inoltre, il sistema legale e la rete di telecomunazioni e distribuzione nelle città si è migliorato molto. L'agricoltura fornisce solo poco lavoro. Le principali piante da raccolto sono mais, grano e canna da zucchero. Importanti prodotti da giardino sono agrumi, frutti subtropicali, verdure, uva e patate. Inoltre, si producono carne e latticini. Alcune persone coltivano mitili, trote ed ostriche.

Il governo sudafricano vuole aumentare la crescita economica e la sua politica non è finalizzata a ridurre la differenza tra ricchi e poveri, che tuttavia resta sulla strada del progresso economico. Oltre ai livelli elevati di disoccupazione, l'epidemia di AIDS pone dei seri problemi. Molte persone muoiono in giovane età. La corruzione ed il crimine sono altri problemi economici.

La moneta del Sudafrica è il Rand (ZAR) ed un euro vale circa 7.5 Rand.

Geografia e Clima

Il Sudafrica si trova nella parte sud del continente africano. Il paese confina con Namibia, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Swaziland e Lesotho. Lo Swaziland è quasi completamente circondato dal Sudafrica. Inoltre, il paese ha una linea costiera totale di irca 3.000 km. Nella parte ovest il Sudafrica si affaccia sull'Oceano Atlantico mentre ad est su quello Indiano. La superficie terrestre totale è di oltre 1,2 milioni di chilometri quadri. Il fiume Oranje è il fiume più importante del paese. Altri fiumi importanti sono il Vaal, il Limpopo ed il Tugela.

Il Sudafrica ha non meno di 3 capitali. Pretoria è la capitale amministrativa. Città del Capo è quella legislativa e Bloemfontein la capitale giudiziaria. Johannesburg è la città più grande del paese. Altre importanti città sudafricane sono Bisho, Kimberley, Mafiken, Nelspruit, Polokwane ed Ulundi.

Il paesaggio del Sudafrica è molto vario. L'entroterra è composto principalmente da altipiani ed è scarsamente popolato. La pianura costiera è stretta e lungo i suoi confini ci sono delle colline brulle. Le valli tra le catene montuose sono adatte alla coltivazione di frutti e per la vinicoltura. Nelle pianure costiere ci sono laghi e foci di fiumi. Queste aree sono importanti per la pesca. Il nord-ovest del Sudafrica è composto da deserto. La striscia costiera orientale ha un clima subtropicale, dove viene coltivata la frutta tropicale.

Come il panorama, anche il clima del Sudafrica è molto variegato. Ci sono diverse zone climatiche. Il sud e l'est hanno un clima marittimo e la caratteristica di queste aree è che le precipitazioni ci sono durante tutto l'anno. L'area intorno a Città del Capo ha un clima mediterraneo con estati molto calde ed inverni miti e con molte precipitazioni. Nell'ovest c'è un clima desertico mentre nel nord (vicino al confine con lo Zimbabwe ed il Mozambico) il clima è subtropicale con estati molto calde ed inverni miti. Intorno al confine con il Botswana e lo Zimbabwe c'è un clima da steppa. Nell'interno il mese più caldo è gennaio, mentre sulla costa è febbraio. L'inverno inizia in giugno ma in genere luglio è il mese più freddo. In tutto il paese la temperatura media anniale è tra i 16°C ed i 21°C. In genere piove poco ma le precipitazioni sono più frequenti in estate in particolare nell'est del paese.

Traffico ed Infrastrutture

La rete di trasporti in Sudafrica è ampia e ben sviluppata. Autostrade moderne, treni ed aeroporti rendono piacevole viaggiare in questo paese. Molte navi vengono acolte nei moderni porti del Sudafrica. Il paese si avvantaggia della posizione tra America ed Asia. Durban è il porto più importante del Sudafrica. C'è anche il più grande porto di tutto il continente. Oltre a Durban, ci sono anche altri importanti porti di mare, per esempio Città del Capo, Port Elizabeth, East-London e Richardsbaai.

Nel Sudafrica, le ferrovie sono utilizzate principalmente per il trasporto delle merci, tuttavia ci sono anche treni passeggeri e coprono spesso grandi distanze. Spoornet è la più grande compagnia di treni. Le principali aree urbane spesso hanno i propri autobus e reti di treni. Viaggiare in treno è comodo e per le lunghe distanze il viaggio in treno è più comune di quello in autobus. Gli autobus lavorano soprattutto a livello locale. In genere si usano i taxi-van per le brevi distanze.

La compagnia aerea nazionale è la South African Airways (SAA). Altre compagnie sono South African Express e South African Airlink. Gli aeroporti più importanti sono l'Aeroporto di Johannesburg, l'Aeroporto di Città del Capo e l'Aeroporto di Durban. Questi aeroporti vengono utilizzati per i voli intercontinentali. Sei importanti aeroporti del paese sono Aeroporto di Port Elizabeth, Aeroporto di East-London, Aeroporto George, Aeroporto Kimberly, Aeroporto di Upington e Aeroporto di Bloemfontein. Questi aeroporti vengono utilizzati per i voli all'interno dell'Africa.

Le grandi distanze nel Sudafrica possono essere facilmente percorse con un'auto a noleggio. Il paese ha una rete stradale ben sviluppata. Tra le città principale ed i paesi vicino ci sono spesso le autostrade. Ci sono anche strade a pagamento e strade sterrate. Succedono molti incidenti sulle strade del Sudafrica e le persone sono avvisate che è meglio non camminare di notte.

Fusi orari

Il Sudafrica segue l'Orario Standard dell'Africa Centrale (CAST) (GMT+2). Come risultato, i turisti europei non soffrirano il jet lag. Bisogna ricordare che in Sudafrica è estate quando è inverno nell'emisfero nord e viceversa!

Cibo e bevande

Grazie ai numerosi immigrati, la cucina del Sudafrica è un misto di diverse culture. Nelle città del Sudafrica, molti ristoranti non servono solo piatti tradizionali africani ma anche piatti provenienti dai paesi vicini. Ci sono anche ristoranti italiani e cinesi e mangiare fuori in Sudafrica è relativamente economico.

La popolazione sudafricana ama fare le grigliate e sono dei veri amanti della carne. Uno dei piatti è "Boerewors": carne macinate cotta o fritta. Nelle aree costiere ci sono anche molti piatti a base di pesce. Piatti africani ben noti sono Bobotie, Potjiekos e Biltong. Bobotie è un piatto di carne agrodolce. In passato, veniva mangiato in particolare dagli schiavi e dai contadini poveri. Potjiekos è uno stufato: carne e verdure vengono cucinate in una pentola di ferro sul fuoco. Biltong è un tipico snack sudafricano: fette di carne secca speziata.

I vini sudafricani sono deliziosi e sono noti in tutto il mondo. Comunque, la birra è la bevanda nazionale e ci sono diverse marche locali disponibili. In molti posti è possibile bere l'acqua del rubinetto ma si raccomanda di usare solo acqua imbottigliata.

Alloggi

Questo paese offre degli alloggi davvero unici! Nelle città principali si trovano diversi hotel, al costo medio di €30 al giorno. Inoltre, ci sono molti altri modi per sperimentare l'unica cultura africana, come per esempio in un "rifugio" nel magnifico ambiente sudafricano. E' persino possibile passare la notte in un parco safari. I viaggiatori con lo zaino possono stare negli ostelli o nelle fattorie. Gli ostelli costano circa €8 a notte. Ci sono anche bed&breakfast in tutto il paese. Lungo la costa e sui fiumi più grandi ci sono diversi campeggi e ci sono piazzole con le roulotte per coloro che non hanno una tenda.

Fonti Esterne

Per maggiori informazioni sul Sudafrica, si consiglia Google e le seguenti ulteriori fonti: